f

mercoledì 27 giugno 2012

IL MISTERO DEGLI ORBS: LE SFERE DI LUCE + DOCUMENTARIO VIDEO



Occasionalmente vengono rilevate sulle immagini fotografiche, eseguite con macchine fotografiche tradizionali o digitali, macchie di natura inspiegabile, luminose e circolari che assomigliano a veri e propri globi luminosi. Oggetti che vengono definiti con il nome di "Orbs", ovvero "globi di luce".



Alcuni ricercatori hanno paragonato il fenomeno degli Orbs a quello delle sfere luminose che sono viste in prossimità dei crop circles.




Il Filmato di Oliver Castle dove si vedono degli orbs che realizzano quasi istantaneamente un crop circle. Questo video è stato analizzato da una equipe di esperti americani che ne hanno convalidato l'autenticità, non riscontrando nessun tipo di intervento digitale, quindi diffidate da chi lo difenisce un fake.


 

Il fenomeno degli "Orbs" presenta una serie di condizioni e di caratteristiche peculiari:

- Sono rilevati essenzialmente con l'uso del flash
 
- All'aspetto sembrano essere sfere trasparenti di varie dimensioni e di varia densità, mostrano sempre una corona e un tenue nucleo che li fa assomigliare a diafane diatomee circolari 

- Vengono rilevati sia da macchine tradizionali con pellicola che da macchine fotografiche digitali 

- In laboratorio sono stati rilevati nello stesso posto e con le stesse dimensioni pur usando contemporaneamente due differenti macchine fotografiche 

- E' possibile percepire gli Orbs e riprenderli fotograficamente guardando nella loro direzione (esistono foto di persone che guardano nella direzione degli Orbs percepiti al momento della foto) risultano più numerosi in presenza di più persone. 




Sull'origine della natura degli Orbs vengono fatte, da parte di vari ricercatori e sui siti Web dedicati al fenomeno, numerose ipotesi: 

- Macchie di polvere sull'obiettivo fotografico (tesi non valida poichè anche dopo la pulitura dell'obiettivo gli Orbs continuano ad essere rilevati)

- Difetti specifici imputabili alle macchine fotografiche digitali (tesi non valida poichè gli Orbs compaiono anche su pellicola tradizionale)


- Difetti o problemi di densità captativa dei sensori digitali
(tesi non valida poichè gli Orbs compaiono indifferentemente sia su sensori a bassa che ad alta sensibilità. La ripresa fotografica degli Orbs non dipende dal numero di pixel del sensore poichè sono stati fotografati da sensori di varia potenza in pixel - da 3,5 Mpixel a 8 Mpixel con gli stessi risultati di immagine) 


- Particelle di polvere in sospensione nell'aria, gocce di pioggia o insetti illuminati dal flash (tesi non valida poichè le fotografie prese durante la pioggia hanno rivelato le gocce d'acqua come una immagine piena e in movimento. La stessa cosa avviene per gli insetti: anche in questo caso le immagini sono luminose, piene e in movimento. Nessuna di queste immagini ha somiglianza con le caratteristiche di base degli Orbs. Rimane l'ipotesi che possano essere particelle altamente riflettenti in stato di sospensione nell'aria)

- Sfere di plasma energetico che si illumina alla luce del flash, così come accade per l'effetto di luminescenza dato dal neon
 

- Particelle energetiche catturate dall'atmosfera terrestre nel passaggio della Terra attraverso la coda tenue delle comete
 

- Entità extradimensionali (intese come entità prodotte dall'attività tellurica del pianeta, entità disincarnate o creature di altre dimensioni)
 

- Creature viventi di natura aliena che si sono trattenute nell'atmosfera del nostro pianeta dopo che questo ha incrociato la coda tenue di una qualche cometa
 

- Sonde di esplorazione di natura aliena
 

- Sonde di esplorazione temporale inviate dal futuro


 Un Orb fotografato a Hessdalen


 Come appare una diatomea al microscopio che 
puo' fare da paragone alla struttura degli Orbs


 Un "Orb" ingrandito


 L'Orb si distingue nettamente dalle tracce lasciate
dalle gocce di pioggia


 Un Orb esce da dietro una colonna


 Un Orb più luminoso della luce del flash


 Pioggia di Orbs ad un concerto all'aperto


 Il fenomeno degli Orbs
A cura della "Commissione per l'Indagine sui Fenomeni Fortiani"
della Ecospirituality Foundation



 UN ORB FOTOGRAFATO IN MOVIMENTO


L'immagine digitale, ripresa da una fotocamera da 5.5 Mpixel, mostra un Orb, in alto a destra, in innegabile movimento.
Non si tratta dell'effetto di un movimento maldestro della fotocamera, infatti le persone riprese sono tutte immobili e a malapena sfocate. Non si tratta neppure di un insetto illuminato in volo poichè l'immagine rappresenta lo spostamento di un oggetto circolare e mostra inequivocabilmente la struttura di un Orb.
Non può trattarsi tantomeno di un difetto del sensore della fotocamera in quanto l'oggetto fotografato, con il suo movimento, mostra di essere all'esterno della fotocamera stessa.
La luce del flash ha evidenziato lo spostamento dell'Orb che doveva andare più veloce del tempo di scatto sincronizzato. In basso, a sinistra, si distingue un altro Orb, immobile nella sua apparente staticità ordinaria.
 
UN ORB IN MOVIMENTO NELLE SCENE DI UN TELEFILM
   
Un "Orb" appare sul video entrando nella scena del telefilm americano "N.C.I.S."
trasmesso il 5 novembre del 2006 su RAI 2 della radiotelevisione italiana

 


L'oggetto appare sul video uscendo dal lato destro dello schermo per proseguire verso sinistra.
In alto la sequenza dei principali fotogrammi del telefilm
 
 
 
 
LI VEDONO NELLO STESSO POSTO
DUE FOTOCAMERE DIVERSE
 
  Un esperimento di parallasse fotografico
 



In vari esperimenti fatti con due differenti fotocamere digitali, che hanno ripreso nello stesso momento e nella medesima direzione, si e' potuto ricavare una coincidenza di posizione di Orbs che non avrebbe potuto verificarsi se questi fossero stati solamente effetti interni delle macchine fotografiche o dei sensori digitali. Il risultato di questi esperimenti sembra sfidare ogni possibile casualità.
 
Le diverse dimensioni degli Orbs delle due foto potrebbero essere dovute alla differente potenza dei flash delle due fotocamere che possono aver prodotto una diversa sollecitazione luminosa degli Orbs stessi. La differente posizione degli Orbs potrebbe essere dovuta allo specifico parallasse di ciascuna macchina fotografica. 




 Gli Orbs e la loro interazione con gli esseri umani

 
Il bimbo non ha dubbi, ha visto qualcosa che ha attratto la sua attenzione

 

Alle volte si intuisce dove guardare


Alle volte si è "attratti" a guardare nella loro direzione






DOCUMENTARIO VIDEO

 Voyager: A caccia di sfere di luce







 

4 commenti:

  1. interessante la ripresa da due fotocamere differenti. m'è capitato per un lavoro di essere in due a scattare le foto al medesimo ambiente, nel medesimo lasso di tempo. a occhio nudo non si vedeva nulla. il mio collega aveva una fotocamera digitale tipo bridge, con sensore cmos in sintesi bayer. io una sigma sd 14 come cmos però foveon (non in sintesi bayer). quasi tutte le fotografie del collega presentano un numero considerevole di orbs. le mie nessuna. forte 'sta cosa.

    RispondiElimina
  2. si ...la si può considerare una prova

    RispondiElimina
  3. Per me un Orb potrebbe Anke essere l'Aura (software della memoria coscienza) di un defunto che si stacca dal suo cranio-cervello (hardware) Al momento del trapasso x vagare nell'Atmosfera fino a nuova reincarnazione o definitivo dissolvimento > raom gaom

    RispondiElimina
  4. a me è capitato di...vederli, e non ero in stato alterato di coscienza, poiché avevo appena terminato di esplicare banalissime attività "casalinghe". Cercavo infatti nell'articolo se eventualmente ci fossero testimonianze analoghe.. Sarei interessata ad un confronto.
    Questa la mia esperienza: finisco di lavare i piatti della sera, spengo la luce in cucina e, mentre esco da questa, mi trovo tre sfere, immobili davanti a me.. Chiamo mio marito dicendogli di venire a vedere anche lui.. allungo una mano col palmo aperto ed una di queste sfere, delicatamente, si viene a posare su di essa, come fosse una piuma, con un movimento anche di leggero rimbalzo. Una più piccola invece, scompare e riappare posizionata sul mio polso, della mia mano tesa, in prossimità del punto di agopuntura C. 7 (scusate, questa è "deformazione professionale"). Bò...??? accolgo l'esperienza e mi sforzo di "sospendere il giudizio" (epoché, come dicevano gli antichi greci..) :-))

    RispondiElimina